• +39 328 3438648
  • angelini.padova@gmail.com

Disturbi del desiderio

Disturbi del desiderio

I disturbi del desiderio si presentano sotto una vasta gamma di variabilità. Possono riguardare un temporaneo, e per questo non sempre preoccupante, calo dell’interesse verso la sessualità successivamente ad un lutto, nel corso di periodi particolarmente stressanti sotto il profilo lavorativo, in occasione di impegni gravosi o esami che portano la persona a mettere in secondo piano la sessualità o nel corso di una discordia di coppia.  In questi casi non si può parlare di un vero e proprio disturbo sessuale a meno che lo scarso o nullo interesse verso la sessualità non persista nel tempo e rischi di compromettere l’eventuale relazione in atto o la possibilità di costruirne una. Tale calo del desiderio può, inoltre, essere causato da fattori organici o dall’uso di farmaci.

Nella variante situazionale la persona evita di proporre la sessualità solo in determinati contesti o con alcune tipologie di persone che vive, magari, semplicemente come non attraenti o sgradevoli o, in alcuni casi, come eccessivamente attive, aggressive o psicologicamente pericolose.

Le forme che comprendono una assente o scarso desiderio sessuale primario, ciò da sempre, possono essere dovute a gravi inibizioni relazionali e sessuali da parte della persona che la portano ad evitare la sessualità perché la immaginano troppo complessa e al di sopra delle proprie capacità. Altre volte sono causate da profonde difficoltà psicologiche e si manifestano come vere e proprie avversioni sessuali.

Fonti:
RifelliG. Sessuologia Clinica, Masson, 1997
Kaplan H. S. Manuale illustrato di terapia sessuale, Bompiani, 1975

Dr. Stefano Angelini

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi